Libro “Botte Napoleonica”

ACQUISTA LA TUA COPIA:
. . .
Il libro sarà spedito presso il proprio domicilio al prezzo di €. 30,00 + 3,65 per spese di spedizione.
Su richiesta possiamo fatturare. Il pagamento può essere effettuato tramite bonifico bancario
IBAN:
IT05 V061 I567 1900 0000 0003829

IL LIBRO E’ IN VENDITA SUL SITO: WWW.LIBRERIAUNIVERSITARIA.IT

L’intento di portare a conoscenza, nella maniera più dettagliata e completa possibile, la funzione della Botte Napoleonica e la sua struttura attraverso il ricco materiale fotografico ripreso durante l’ispezione e i lavori di restauro e consolidamento effettuati su progetto dell’ing. Giovanni Maria Susin di Padova nel periodo 1983-1988, concretizza un mio remoto desiderio.

Il manufatto, opera di alta ingegneria idraulica che giace sotto una coperta di terra e acqua, presenta una caratteristica volta a botte a sezione semicircolare, la cui forma ricorda le pareti curve delle botti.

La costruzione di una “Botte” sotto il fiume Panaro per bonificare l’agro di Burana nel Comune di Bondeno (Ferrara) fu concepita già secoli prima con lo scopo di prosciugare i terreni su cui si raccoglievano le acque del basso mantovano e del modenese, che rimanevano allagati per molti mesi dell’anno.

L’Associazione Culturale L’Acqua Napoleonica vi invita a leggere “Botte Napoleonica. Storia, geografia e idraulica“, un prezioso libro di 256 pagine a colori, in un’elegante e preziosa copertina. Qui si racchiude la storia delle tre perle idrauliche di Bondeno, a servizio del Territorio Emiliano Romagnolo, corredata di foto inedite.


RINGRAZIAMENTI all’AUTORE

Ringraziamo il carissimo e stimato amico Sergio La Sorda per il suo bellissimo volume “Botte Napoleonica – Storia, Geografia e Idraulica” con il quale ha ampiamente e dettagliatamente documentato, con testi e fotografie d’epoca,  i grandiosi e complessi lavori eseguiti per la sistemazione idraulica dell’ampio territorio compreso tra la foce del Po e la foce del Reno.
In particolare ha documentato l’evoluzione nell’arco di circa tre secoli dei metodi di costruzione, gestione e manutenzione delle suddette opere. La pubblicazione costituisce inoltre una preziosa testimonianza di un periodo in cui i protagonisti addetti alla gestione di “lavori pubblici” erano oltre che tecnicamente competenti anche orgogliosi del lavori cui erano adibiti ed avevano l’unico scopo di partecipare diligentemente ed onestamente  alla salvaguardia ed all’utilità dei cittadini, ben lungi dalla odierna tendenza di molti disonesti di procurarsi fraudolenti arricchimenti a carico dei contribuenti.

Già Segretario Generale dell’Autorità di Bacino del Fiume Tevere e Capo del Dipartimento per i servizi Tecnici Nazionali
Già Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia e Presidente della III e IV Sezione del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...